Print

Il Festival della resistenza alimentare è un evento che si propone come momento di riflessione, dibattito e scambio sui grandi temi dei differenti sistemi agricoli, della sostenibilità ambientale e sociale in agricoltura e della sovranità alimentare. E’ sempre più chiara la tendenza mondiale alla concentrazione ed al sostanziale controllo dei sistemi agricoli da parte di poche multinazionali in grado di influenzare, per mezzo di una sconfinata disponibilità finanziaria, legislatori e governanti. Ciò avviene in ogni settore strategico per la sopravvivenza dell’umanità.

In particolare siamo tutti minacciati (produttori e consumatori) da un agri-businness centrato sull’uso insostenibile delle risorse, sulla standardizzazione delle colture, sul controllo oligopolistico delle sementi, sull’ipertrofia dell’industria di trasformazione, sulla grande distribuzione, sul peggioramento delle condizioni di lavoro dei produttori e della qualità alimentare.

Ma la questione alimentare, come del resto quella idrica, è talmente importante da rendere la resistenza (e l’alternativa) ai processi in atto un imperativo irrevocabile in ogni luogo.
Il festival si pone come obbiettivo quello di diventare uno di quei momenti e di quelle situazioni dove dare dignità e visibilità a questa resistenza, dove incrociare esperienze e al contempo studiare e promuovere alternative, proposte, mobilitazioni.

Questi temi verranno sviluppati nel corso di un convegno ed una tavola rotonda distribuiti sui due giorni del Festival.

Nel corso dell’evento il campeggio comunale (dieci ettari di estensione in bosco) ospiterà un grande mercato all’aperto dove i produttori ed autoproduttori biologici, biodinamici e tutti coloro che operano nel settore delle tipicità enogastronomiche potranno esporre le loro produzioni e scambiarsi conoscenze, tecniche ed opinioni.

Verranno proposti laboratori di caseificazione e panificazione a cura della fattoria sociale “Sottosopra” e del “For social” di Tramonti di Sotto, all’interno di un programma aperto a chiunque abbia saperi da socializzare.

Nel corso del Festival verrà organizzato un simposio di writers e muralisti che saranno invitati a sviluppare il tema della resistenza alimentare e delle resistenze in generale (per l’occasione verranno messi a disposizione muri e pannelli su tutto il territorio comunale).

Sabato 28

Mattino

Apertura mercato e assegnazione degli spazi a writers e muralisti.

Pomeriggio

Convegno sul tema “agricoltura, sovranità alimentare, responsabilità sociale”.
Relatori:

  • Graziano Ganzit, perito agrario, già presidente di Aprobio, agricoltore, ricercatore;
  • Marcello Buiatti, professore ordinario di genetica, Università di Firenze;
  • Max Plett, presidente Slow Food FVG.

Sera

Concerto a cura di Radio Onde Furlane.

Domenica 29

Mattino

Laboratori

Pomeriggio

Tavola rotonda sul tema “autogestione, cooperazione, patti di filiera”.
Parteciperanno:

  • Sindaco di Tramonti di Sotto
  • Fattoria sociale “Sottosopra” e “For Social”, Tramonti di Sotto, PN
  • Urupia, comune libertaria salentina, Puglia
  • Cucine del Popolo, Emilia-Romagna
  • Comitato frazionale di gestione dei beni civici di S.Marco, Mereto di Tomba, UD
  • Forum per i beni comuni e l’economia solidale, Fvg
  • Coltivarcondividendo, Belluno
  • Coordinamento per la tutela della biodiversità, Fvg

Sera

Aperitivo di saluto con muralisti e writers.