La Repubblica partigiana della Carnia

Per raggiungere la Val tramontina oggi dovete passare dove comincia il lago di Redona.
In realtà state attraversando un luogo pieno di storia, una storia gioiosa ed eroica al tempo stesso.
Nell’estate-autunno del 1944 la diga ed il lago ancora non c’erano e quel pezzo di strada era diventato il check point partigiano di una repubblica libera…

La Zona libera della Carnia prese forma e si costituì in un territorio formalmente annesso alla Germania nazista, comprendente circa 90 mila abitanti distribuiti in 41 comuni di cui 6 parzialmente liberati.
La Valtramontina fu parte di questo vastissimo territorio ed ospitò il comando partigiano preposto alla difesa dei suoi confini, fino alla fine di quella grandiosa esperienza che arrivò nel dicembre di quello stesso anno a seguito di una tremenda offensiva nazi-fascista.

Furono pochi mesi, ma furono mesi incredibili e densi dove prese vita un’importante attività costituente attraverso le Giunte comunali.
Per la prima volta in Italia venne riconosciuto il voto alle donne. Si legiferò sulla gestione delle risorse e sulla natura da preservare, sulla scuola gratuita e più democratica, sulle tasse più eque e sulla giustizia gratuita.
Nacquero i Gruppi di Difesa della Donna che svolsero un intenso lavoro di collegamento ed approvvigionamento tra i reparti della Resistenza e l’Intendenza partigiana anche dopo la caduta della Zona libera.

In quei pochi mesi la gente della Carnia e delle Prealpi friulane, i montanari di allora, furono capaci di scrivere una pagina esemplare di democrazia popolare.
Dimostrarono la capacità e lo slancio di darsi liberi ordinamenti democratici in uno dei momenti più tragici della seconda guerra mondiale e per di più circondati da un nemico spietato e crudele.

A tutti/tutte loro va la nostra eterna riconoscenza.

Le immagini

In ordine verticale:
. la locandina del docufilm Carnia 1944: un’estate di libertà di Marco Rossitti;
. un particolare dell’opera Pannello grafico (1948) di Afro Basaldella esposta al Museo d’Arte Moderna e Contemporanea Casa Cavazzini a Udine (da vedere);
. l’opera di Quisco che rappresenta Jole de Cillia, partigiana combattente caduta a Palcoda.

Per approfondire l’argomento…

ALTRI SUGGERIMENTI

Opere ed artisti in campeggio

Ogni anno organizziamo all'interno del campeggio il Festival della Resistenza Alimentare e ad ogni edizione abbiamo ospitato artisti che hanno condiviso con noi la preoccupazione per lo stato in cui versano i sistemi agricoli e più in generale la produzione del cibo....

Orientarsi in montagna non è più un problema

Orientarsi in montagna non è più un problema grazie ai diversi strumenti messi a disposizione gratis o a basso costo da utilizzare durante le escursioni e per conoscere il nome delle vette che si hanno di fronte. Prima app La prima applicazione che ti presentiamo è...

Canyoning – un parco avventura naturale

Il canyoning è un'esperienza intensa che renderà unica la vostra vacanza e quella dei vostri bimbi. Alessandro de Santis, guida speleologica regionale, ha selezionato alcuni percorsi per bambini dai 6 anni (altezza min. 130-135 cm). Piccole arrampicate, salti in acqua...

Visita alla Fattoria Sociale Sottosopra

  La fattoria sociale Sottosopra da maggio ad agosto accoglie adulti e bambini per mostrare la stalla, la vecchia latteria turnaria, per organizzare una piccola degustazione dei prodotti e l'eventuale laboratorio di caseificazione. Le proposte sono: 1° -...

Per i tre Tramonti con la mountain bike

Un percorso per scoprire la Val Tramontina attraversando i tre paesi principali di Tramonti di Sotto, di Mezzo e di Sopra e che aggiunge qualche deviazione per addentrarsi tra le montagne in cerca dei borghi abbandonati come Tamar. Itinerario quasi interamente su...

Dal lago di Redona riemerge il borgo di Movada

Per quasi due mesi, nell'estate del 2015 non vi è stata alcuna pioggia e l'acqua dal lago artificiale di Redona è stata utilizzata per l'irrigazione nelle pianure e per la produzione di energia elettrica... Lentamente, il bacino del lago si è svuotato e ... ......

Dove fare il bagno

L’abbondanza di acqua è certamente una prerogativa della Valtramontina. Decine di torrenti e ruscelli scendono lungo i pendii, zigzagando nel bosco, intagliando e levigando le rocce, creando pozze, salti e scivoli naturali. Se non siete particolarmente freddolosi e se...

Le pozze smeraldine

Lungo il fiume Meduna diverse sono le pozze di acqua cristallina nelle quali potete tuffarvi, ma un angolo speciale vi aspetta lungo il sentiero che da Tramonti di Sopra porta al lago del Ciul. Lasciando l'auto dove si trova il divieto, bastano solo 10 minuti di...

Poffabro – uno dei borghi più belli d’Italia

Poffabro, frazione del comune di Frisanco, è un borgo che sorge a 525 metri di altitudine in Val Colvera, nelle Prealpi Carniche. Il nome di Poffabro deriva da Prafabrorum, prato dei fabbri. La forza magica di Poffabro sta nell'effetto incantatore delle pietre...

Arrampicare in Val Tramontina e dintorni

In provincia di Pordenone la fascia alpina e pedemontana offre tra le migliori falesie delle regione, e la Val Tramontina è una delle valli più selvagge e affascinanti da scoprire. Il viaggio inizia proprio prima del lago di Redona dove la valle inizia a stringersi e...

Pin It on Pinterest