Orientarsi in montagna non è più un problema

Orientarsi in montagna non è più un problema grazie ai diversi strumenti messi a disposizione gratis o a basso costo da utilizzare durante le escursioni e per conoscere il nome delle vette che si hanno di fronte.

Prima app

La prima applicazione che ti presentiamo è TABACCOMAPP, disponibile per tutti i sistemi operativi.
L’azienda Tabacco, specializzata nella cartografia e nella sentieristica, ha digitalizzato le proprie mappe rendendole interattive.
Permette di zoommare e vederne i particolari e lo sviluppatore ha creato una community per condividere le proprie escursioni con le relative immagini.
L’iscrizione è gratuita ma le mappe costano meno di 3,00euro l’una (al momento non tutte le mappe sono disponibili).
Se preferite la vecchia versione cartacea in campeggio, presso la reception, è possibile acquistarla.

Seconda app

La seconda app è PEAK VISOR, uno strumento estremamente utile per conoscere le montagne che ci circondano capace di unire il piacere della conoscenza all’utilità nell’orientamento.
Basta inquadrare una cresta con il proprio telefonino e attraverso la videocamera del cellulare proietta i nomi delle montagne e disegna il loro panorama in 3D. Oltre al nome Peak Visor svela altitudine ed altre caratteristiche.
E’ un’app che unisce la curiosità alla sicurezza di chi vive la montagna: grazie ad una bussola 3D perdersi è molto difficile (così dicono!).
Al momento è disponibile solo per IOS ed in via di sviluppo per Android.

Terza app

Il terzo strumento è un sito internet, il SIMULATORE DIGITALE DI PANORAMI.
Attraverso questa piattaforma è possibile identificare le montagne in una fotografia o durante una escursione.
Una volta impostati alcuni dati il simulatore svelerà i nomi ed i dati relativi.

ALTRI SUGGERIMENTI

Visita alla Fattoria Sociale Sottosopra

  La fattoria sociale Sottosopra da maggio ad agosto accoglie adulti e bambini per mostrare la stalla, la vecchia latteria turnaria, per organizzare una piccola degustazione dei prodotti e l'eventuale laboratorio di caseificazione. Le proposte sono: 1° -...

Dal lago di Redona riemerge il borgo di Movada

Per quasi due mesi, nell'estate del 2015 non vi è stata alcuna pioggia e l'acqua dal lago artificiale di Redona è stata utilizzata per l'irrigazione nelle pianure e per la produzione di energia elettrica... Lentamente, il bacino del lago si è svuotato e ... ......

Dove fare il bagno

L’abbondanza di acqua è certamente una prerogativa della Valtramontina. Decine di torrenti e ruscelli scendono lungo i pendii, zigzagando nel bosco, intagliando e levigando le rocce, creando pozze, salti e scivoli naturali. Se non siete particolarmente freddolosi e se...

Le pozze smeraldine

Lungo il fiume Meduna diverse sono le pozze di acqua cristallina nelle quali potete tuffarvi, ma un angolo speciale vi aspetta lungo il sentiero che da Tramonti di Sopra porta al lago del Ciul. Lasciando l'auto dove si trova il divieto, bastano solo 10 minuti di...

L’aquila del Monte Frascola

  L’aquila del Frascola è una particolare formazione rocciosa che sembra rappresentare un’aquila, con due grandi ali aperte, e con un muso ben scolpito con tanto di occhio e becco. Si può vedere da punti estremamente semplici o raggiungerla attraverso una...

Percorso delle calcinaie

  Tempo di percorrenza 3h. Difficoltà semplice. Il percorso lungo 5500 m e adatto alle famiglie, ha inizio presso l’area picnic di Tramonti di Sopra; qui si trova la prima fornace da calce, e oltre una pineta si arriva a Casa Titol e poi a Casa Curs. Attraversato...

Escursione da Tramonti di Sopra al lago del Ciul

Tempo di percorrenza 3h. Difficoltà media. Itinerario panoramico che attraversa il borgo abbandonato di Frasseneit costeggiando il Torrente Meduna e le sue pozze smeraldine. Da borgo Pradiel ci si inoltra nel Canale di Meduna e con vari sali e scendi si giunge al...

Escursione al Fontanon del Touf

Tempo totale 2h circa. Difficoltà media. Per raggiungere il Fontanon del Touf si segue la SR552 fino a superare Tramonti di Sopra. Oltre il ponte sul torrente Viellia (parcheggio in piazzola) si imbocca il sentiero n.829. Dopo un breve tratto pianeggiante il percorso...

Le grotte di Pradis e la Foos di Campone

  Non si può non visitare le Grotte di Pradis, attraverso la discesa all'Orrido, con le sue cascate, gli archi naturali, le grotte e le cavità, è un ambiente carsico unico per la sua bellezza. Qui la forza della natura e dell'acqua si mostrano a noi con tutta la...

Ai vecchi borghi abbandonati di Tamar e Palcoda

Dislivello fino a Tamar 300mt circa. Tempo di percorrenza fino a Tamar 1h 20m. Oltrepassando la borgata di Comesta, a Tramonti di Sotto, si raggiunge il divieto di transito nei pressi del quale si può parcheggiare l'auto. Da qui attraverso la pista forestale o il...

Casera e Monte Rest mt.1780

Dislivello mt.730 Tempo di percorrenza a-r 5 ore Al passo di Monte Rest possiamo parcheggiare comodamente lasciando la vettura sull’ampio spazio di fronte all’inizio del segnavia CAI n.826 (m 1024, indicazioni per il sentiero Ursula Nagel). In circa un'ora si...

Pin It on Pinterest